Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Poesie Catanesi


E vui durmiti ancora E voi dormite ancora
Lu suli è già spuntatu 'ntra lu mari
e vui bidduzza mia durmiti ancora,
l'aceddi sunnu stanchi di cantari
e affriddati v'aspettanu cca fora,
supra 'ssu balcuneddu su pusati
e aspettunu quann'è cca v'affacciati !

Li ciuri senza vui non ponu stari
su tutti ccu li testi a pinnuluni,
ognunu d'iddi non voli sbucciari
su prima non si grapi 'ssu balcuni,
dintra lu buttuneddu su ammucciati
e aspettunu quann'è cca v'affacciati !

Lassati stari, non durmiti cchiui,
ca 'mmenzu ad iddi dintra sta vanedda
cci sugnu puri iù c'aspettu a vui
pri vidiri ssa facci accussi bedda
passu ccà fora tutti li nuttati
e aspettu sulu quannu v'affacciati
.
Giovanni Formisano
Il sole è già spuntato in mezzo al mare
e voi dolcezza mia dormite ancora,
gli uccelli sono stanchi di cantare
e presi di freddo vi aspettano quà fuori,
sopra il vostro balcone sono poggiati
e aspettano quando voi vi affacciate !

I fiori senza di voi non possono stare
sono quasi tutti appassiti,
ognuno di essi non vuole sbocciare
se prima non si apre il balcone
dentro il bocciolo sono nascosti,
e aspettano quando vi affacciate !

Lasciate stare, non dormite più,
che in mezzo a loro dentro questo vicolo
ci sono pure io che vi aspetto
per vedere il vostro bellissimo viso
passo qui fuori tutte le notti
aspettando solo quando vi affacciate.
Giovanni Formisano


Catania dormi Catania dormi
Palazzi e strati fatti ccu la lava,
ca siti parti di sta vita mia;
ad ogni cantunera mi chiamati
vuci di l'anni di la fantasia.

Dapallira ca stai 'na sta chiazza
picciotta sempri sula e sparrittata,
cumpagni to luntani d'ogni notti
sunnambuli, pirati e puritani,
qualcunu di luntanu canta stunatu,
di vinu o di Catania è 'mbriacatu.

Chi paci 'na sta notti frisca e duci,
caminu accarizzatu de to luci
e 'Ntoni dalla barca pruvidenza,
ccu l'occhi cerca 'ncelu stiddi e luna.

Lu primu suli ca pari spuntari
di na spaccazza fra lu cielu e mari,
ti pigghia all'intrasatta p'alluciari
lu scuru e pi fatti arrusbigghiari,
e tu che primi sgrusci varagghiannu
ti stiri fra lu mari e la muntagna.
Trovato Francesco
Palazzi e strade costruiti con la lava,
che siete parte della mia vita;
ad ogni angolo mi ricordate
gli anni della mia giovinezza.

Dea Pallade che stai in questa piazza
ragazza sempre sola e chiaccherata,
i tuoi compagni lontani di ogni notte
sonnambuli, pirati e puritani,
qualcuno da lontano canta stonato,
di vino o di Catania è ubriacato.

Che pace in questa notte fresca e dolce,
cammino accarezzato dalle tue luci
e 'Ntoni dalla barca provvidenza,
con gli occhi cerca in cielo stelle e luna.

Il primo sole che sembra spuntare
da una apertura fra cielo e mare,
ti prende all'improvviso per illuminare
il buio e per farti svegliare,
e tu con i primi rumori sbadigliando
ti stiri fra il mare e la montagna.
Trovato Francesco


Il telefrico senza fili Il telegrafo senza fili
- Siti bestia, quadrupedi, animali...
e non vi dicu artro, non vi dicu !...
le 'nntinne ci su' sempri, tali e quali,
e l'amu vistu ju e cmpari 'Ricu...

Chiddu ca non c'è chiù, mio caru amicu,
è il filo!... Oh, binidittu San Pasquali !...
Il filo, dintra il quale, a tempu anticu
curreva il telecrama naturali !...

la mia difoortà, però, 'n'è chissa ;
c'è un'artra cosa, ca ancora non sacciu
e della quali nn'arristai scossu :

Chiovi, mintemu, l'acqua si subissa ?...
Com'è ca la parola del dispacciu
agghica bella, asciutta comu n'ossu ?
Nino Martoglio
- Siete bestia, quadrupede, animale...
e non vi dico altro, non vi dico !...
Le antenne ci sono sempre, tali e quali,
e l'abbiamo visto io e compare Enrico...

Quello che non c'è più, mio caro amico,
è il filo !... Oh, benedetto San Pasquale !...
Il filo, dentro il quale, a tempo antico
correva il telegramma naturale !...

La mia difficoltà, però, non è questa ;
c'è un'altra cosa, che ancora non sò
e della quale sono rimasto scosso:

Piove, mettiamo, l'acqua si subissa ?...
Com'è che la parola del dispaccio
arriva bella, asciutta come un'osso ?
Nino Martoglio


Duci duci Dolce dolce
E duci duci iù vegnu ni tia,
c'aspetti comu siti aspetta l'acqua,
e a li carizzi ca haiu ppi tia,
rispunni ccu carizzi e ccu suspiri.

E duci duci iù mi 'ncucchiu a tia,
comu lu ramu o truncu a la 'nzitata,
amuri granni, amuri miu adoratu,
s'ammisca lu me ciatu a lu to ciatu.
Francesco Trovato
E dolce dolce, io vengo da te,
che aspetti come sete aspetta l'acqua,
e alle carezze che io ho per te,
tu rispondi con carezze e con sospiri.

E dolce dolce, io mi unisco a te,
come il ramo al tronco nell'innesto,
amore grande, amore mio adorato
si mischia il mio fiato al tuo fiato.
Francesco Trovato


Lu mè ritrattu Il mio ritratto
Si sugnu bruttu non ci fari casu!
Quannu mi guardi non ti spavintari!
Si teni moddu lu tò nasu
guardannu a mia ti lu farà attisari!
Tenimi espostu dintra la tò stanza,
ti portitò furtuna a tutta ultranza!
Francesco Bucchery Boley
Se sono brutto non ci fare caso!
Quando mi guardi non ti spaventare!
Se hai molle il tuo naso
guardando me ti diventerà teso!
Tienimi esposto dentro la tua stanza,
ti porterò fortuna a oltranza!
Francesco Bucchery Boley


E m'arrispusi E mi rispose
Mannai l'ultima littra e ci misi
du' paruleddi suli e poi la chiusi,
ci scrissi: Siddu amannuvi v'affisi
mi pentu e vi ni fazzu li me' scusi.

Sugnu statu la notti c'assicuta
ammàtula la luci di lu jornu.

Ora mi fermu e non furriu chiui,
stu trasi e nesci è già duratu assai,
ora, figghiuzza, o v'incalati vui
o 'nnunca vi salutu...ca stancai!

Francesco Guglielmino
Ho mandato l'ultima lettera e ho messo
due paroline sole e poi l'ho chiusa,
ho scritto: Se amandovi vi ho offesa
mi pento e vi faccio le mie scuse.

Sono stato la notte che insegue
inutilmente la luce del giorno.

Ora mi fermo e non giro più
questo entra ed esci è già durato assai,
ora, figliola, o vi sottomettete voi
o se no vi saluto..perchè mi sono stancato
Francesco Guglielmino


Scausu Scalzo
Unu ca paga prima a lu mircanti,
sempri avi pri lo cchiù roba scadenti;
pàgaci ad unu la roba cuntanti
ma quannu 'ntra li manu ti la menti.

Cu' paga prima a un scarparu birbanti
scàusu pò ristari eternamenti,
e cu' paga lu pisci sempri avanti
o no nni mancia o lu mancia fitenti.

Mario Rapisardi
Uno che paga prima il mercante,
sempre ha per lo più roba scadente;
paga ad uno la roba contante
ma quando fra le mani te la mette.

Chi paga prima uno scarpaio birbante
scalzo può restare eternamente,
e chi paga il pesce sempre avanti
o non ne mancia o lo mancia fetente.
Mario Rapisardi


Putissi Potessi
Putissi pri miraculu divinu
turnari comu quannu era carusu,
quannu pri mia la vita era n'giardinu,
menzu apertu e menzu chiusu!

Turnari cu li sensi di 'na vota,
cu ddi limpidi occhi ancora puri,
e cu la fantasia libera e sciota
vìdiri cosi belli a tutti l'uri!

Ma lu giardinu addivintò 'na sciara
d'ardichi 'nfrattinata e di ruvetti,
si ci crisci 'na ciura è troppu rara,
e si la cogghi poi non ti diletti.

'Ntra sta sciara furrìu comu 'n'aceddu
cu l'ali rutti ca non pò vulari,
e ccà 'ntra carammuni e spicuneddu
lassu li pinni ca mi sù chiù cari.
Francesco Guglielmino
Potessi per miracolo divino
tornare come quando ero ragazzo,
quando per me la vita era un giardino,
mezzo aperto e mezzo chiuso!

Tornare con i sensi di una volta,
con quei limpidi occhi ancora puri,
e con la fantasia libera e sciolta
vedere cose belle a tutte le ore!

Ma il giardino è diventato una sciara
di ortiche circondata e di rovi,
se ci crescono fiori è una cosa rara,
e se li cogli poi non ti diletti.

In questa sciara giro come un uccello
con le ali rotte che non può volare,
e qua tra erbacce e spighe
lacio le penne che mi sono più care.
Francesco Guglielmino


La megghiu amanti mia La migliore amante mia
Mamma, ‘stu cori miu lazzariatu
pri ‘nganni e tradimenti e pri scunforti,
st’amaru e afflittu cori, cunsacratu
lu vogghiu sulu a Tia, finu a la morti.

Chiù di ‘na bedda mi l’ha fracassatu
a corpu di cuteddu, forti forti,
ora l’affidu a Tia, pirch’è malatu,
pirchi a Tia sula premi la me’ sorti.

A Tia, ca sì la megghiu amanti mia,
la vera amanti, china di ducizzi,
senza capricci, tutta puisia,
a Tia ca non mi vinni li carizzi,
ca m’ami pri daveru, Mamma, a Tia,
ca sì custanti e non hai fintizzi.
Nino Martoglio
Mamma, questo cuore mio lacerato
per inganni e tradimenti e per sconforti,
quest'amaro e afllitto cuore, consacrato
lo voglio dare solo a Te, fino alla morte.

Più di una bella me l'ha fracassato
a colpi di coltello, forte forte,
ora l'affido a Te, perchè malato,
perchè a Te sola preme la mia sorte.

A Te, che sei la migliore amante mia,
la vera amanti, piena di dolcezze,
senza capricci, tutta poesia,
a Te che non mi vendi le carezze,
che mi ami davvero, Mamma, a Te,
che sei costante e non hai falsità.
Nino Martoglio


Sparatu a scanciu Sparato per scambio
Certu si a vita è strana, a morti cchiossai
ancora!
Parru ccu cognizioni di mortu di ora ora,
ora, mancu mezz'ura, ca ancora non
ci cridu,
pruvai u sapuri amaru di l'ultimu respiru.

La mia non è prutesta e mancu
contestazione,
ma chiddu ca non mi cala è tutta la
situazioni.
U nasciri ppi sbagghiu non è tantu piccatu
quantu lu vili affruntu di moriri ammazzatu!

S'iddu mu miritava poi, non c'hava statu nenti,
ma no sparatu a scanciu 'o postu di 'n
dilinquenti!
Sicuru, sparatu a scanciu! chi sorta di
sfurtuna,
finiri li mé jorna cc'a morti cchiù 'nfamuna.

'Na vita di travagghiu rinunzii e sacrifici,
l'unicu passatempu i carti e quattru amici.
Parrannu di saluti poi mancu 'na malatia,
forsi quann'era nicu, morbillu e rosolia.

Perciò non mi capacitu di sta gran
fregatura,
era troppu sicuru ca ancora non era
ura!
Basta! ormai è fatta, non ni parramu cchiù.
Si aviti pacienza vi cuntu comu fu.

Sirata d'allegria festa di S. Martinu
'na manu di trissetti sasizza, castagni
e vinu,
vinu ca cala rittu speci quann'è nuveddu,
tantu ni nni vivemu ca erumu a liveddu.

" Fazzu l'ultimu brinnisi ppi tradizioni
antica,"
e dopu m'arricogghiu, ca dumani c'è a fatica"
Salutu i me cumpagni mi chiuru a giacchitedda
e p'accuzzari strata 'nficcu di na vanedda.

'Na notti fridda e scura, u cielu senza luna
arrancu ppi spicciarimi quannu
tuttu 'ntutt'una,
mi sentu assicutatu 'na vuci arredi e spaddi
mi dici " unni scappi ?" e spara quattru baddi.

Di intra 'ntisi 'nfocu a tipu 'na vampata,
vutai a panza all'aria cascai 'mmenzu a
strata,
attornu 'ntempu nenti si cumminau 'nfangu
'na speci di pantanu di terra, vinu e sangu.

Non è 'na sensazioni ca unu a pò spiegari
comu v'ù pozzu diri ? l'avissuru a pruvari!
'Ntrunatu ppi com'era capii sulu ca chiddu,
mi taliau cchiù megghiu e dissi "non è iddu!"

Non sulu fici u dannu, stu gran
cosa fitusa,
spatti si nni scappau e mancu mi dissi
"scusa".
Turnatu lu silenziu s'arricugghenu genti,
non sacciu mancu su c'erunu l'amici e li mé
parenti.

"Chi fù ?", "cu è ?", "mischinu" successi
u quarantottu
"chiamati 'nambulanza" "megghiu a carrozza 'e mottu"
Ognunu ca 'ncugnava mi dava a sò
sintenza
"cu sà chi cumminau!" "u sapi a sò
cuscienza".

"Mi pari a canuscillu, chi era do quarteri ?"
"s'ammazzunu 'ntra iddi unu menu peri peri !"
Ppi l'opinioni pubblica stu tipu di reatu
è curpa cchiù do mortu ca di cu l'ha
'mmazzatu!

Mi ficiru cripari ca raggia ammenzu i
denti
comu ci l'avia a diri ca ju non c'intrava
nenti?.
Li forzi a ddu mumentu mi vinniru a
mancari
e a usu do vaccareddu mi 'ntisi arrisucari.

l'anima dintra lu corpu mi scuppulavu pi fora
e m'arrusbigghiai cunfusu unni m'attrovu ora.
'Na speci di malazzeni, c'è genti di tuttu u
munnu,
vecchi, picciotti, addevi c'aspettunu u sò
turnu.

Cu è cca ppi malatia, cu è ppi 'n'incidenti
'na fudda d'impazziri non si capisci nenti
dumannu informazioni a unu o latu 'i mia
mi parsi di capiri ca morsi di anemia.

E' cca di stamatina e 'ntisi di precisu
ca chiddi comu a mia non vanu 'nparadisu.
Ma viditi chi disdetta!!! chi sugnu
scalugnatu
non sulu ci fu sbagghiu, curnutu e
vastuniatu!!!

Ma u sapiti chi vi dicu? si chistu è me
distinu,
m'ammucciu 'nta 'nagnuni e aspettu l'assassinu,
ca tantu prima o poi u chiama u Ptri
Eternu,
U pigghiu 'i contraforzu e m'ù trascinu
'o 'nfernu!

Giuseppe Castiglia
Certo si la vita è strana, la morte ancor
di più
parlo con cognizione di morto di ora ora,
ora, neanche mezz'ora, che ancora non
ci credo,
ho provato il sapore amaro dell'ultimo respiro.

La mia non è protesta e neanche
contestazione,
ma quello che non mi va giù è tutta la
situazione.
Il nascere per sbaglio non è un peccato,
quanto il vile affronto di essere ammazzato!

Se lo meritavo poi, non era successo niente,
ma no sparato per sbaglio al posto di un delinquente!
Sicuro, sparato per sbaglio! che sorta di
sfortuna,
finire i miei giorni con la morte più infamante.

Una vita di lavoro, rinunce e sacrifici,
l'unico passatempo le carte e quattro amici.
Parlando di salute poi, neanche una malattia,
forse quand'ero piccolo, morbillo e rosolia.

Perciò non mi capacito di questa grande
fregatura
ero troppo sicuro che ancora non era
la mia ora!
Basta! ormai è fatta, non ne parliamo più.
Se avete pazienza vi racconto come fu.

Serata d'allegria festa di San Martino
una mano di tressette, salsiccia, castagne
e vino,
vino che va giù dritto specie quando è novello
tantu ne abbiamo bevuto che eravamo brilli.

"Faccio l'ultimo brindisi, per tradizione
antica",
e dopo rientro, che domani c'è il lavoro"
Saluto i miei compagni mi chiudo la giacchetta
e per abbreviare la strada entro in un vicolo.

Una notte fredda e buia, il cielo senza luna
cammino svelto per sbrigarmi quando all'improvviso,
mi sentu inseguito una voce dietro le spalle
mi dice "dove scappi ?" e spara quattro palle.

Dentro sentii un fuoco come una vampata,
girai a pancia in aria caddi in mezzo alla
strada,
attorno in pochi istanti si combinò un fango
una specie di pantano di terra, vino e sangue.

Non è una sensazione che uno può spiegare
come vi posso dire ? la dovreste provare!
Intontito per com'ero capii solo che quello,
mi guardò meglio e disse "non è lui!".

Non solo fece il danno, questo gran
"cosa fitusa"
per giunta se ne scappò e neanche mi disse "scusa".
Tornato il silenzio arrivarono persone,
non sò neanche se ci fossero amici e i miei parenti.

"Cos'è stato ?" chi è ?", "meschino" successi
"u quarantottu"
"chiamate un'autombulanza", " meglio il carro funebre"
Ognuno che si avvicinava mi dava la sua
sentenza
"chissà cosa ha combinato" " lo sà la sua coscienza"

"Mi sembra di conoscerlo, era del quartiere ?"
"si ammazzano tra di loro uno meno in giro!"
Per l'opinione pubblica questo tipo di reato
è colpa più del morto che di chi l'ha
ammazzato!

Mi fecero crepare con la rabbia in mezzo ai
denti
come potevo dirlo che io non c'entravo
niente?
Le forze in quel momento mi vennero a
mancare
e come una lumaca mi sentii risucchiare.

L'anima dentro il corpo volò di fuori
e mi svegliai confuso dove mi trovo ora.
Una specie di magazzino, c'è gente di tutto il mondo,
vecchi, giovani, neonati che aspettano il loro turno.

Chi è qua per malattia, chi è per un incidente
una folla da impazzire non si capisce niente
domando informazioni a uno vicino a me
mi è sembrato di capire che morì di anemia.

E' qua da stamattina e ha sentito di preciso
che quelli come me non vanno in paradiso.
Ma vedete che disdetta!!! come sono
scalognato
non solo c'è stato uno sbaglio, cornuto e bastonato!!!

Ma sapete cosa vi dico? se questo è il mio destino,
mi nascondo in un angolo e aspetto l'assassino,
perchè tanto prima o poi lo chiama il Padre Eterno,
Lo prendo con la forza e me lo trascino all'inferno!
Giuseppe Castiglia