Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Proverbi Siciliani


Alcuni proverbi, erano una sorta di codice di comportamento, e contenevano le regole fondamentali della vita quotidiana.

Acieddu ca canta 'nta argia,
o canta p'amuri o canta 'ppi rraggia.

L'uccello che canta nella gabbia,
o canta per amore oppure per rabbia.

Accussì va lu munnu:
cu nata e cu va 'n funnu.
Così va il mondo:
chi nuota e chi va a fondo.
A corda ruppa ruppa,
ci va 'nto menzu cu non ci curpa
.
La corda nodi, nodi
ci va di mezzo chi non ha colpa.

A fimmina cche minni grossi,
ci veni bruttu quannu tussi.
La donna con il seno grosso,
ci viene male quando tossisce.
A lingua nun havi ossu,
ma rumpi l'ossa.

La lingua non ha osso,
ma rompe le ossa.

Ama a cù t'ama, si voi aviri spassu,
ca amari a cù nun t'ama è tempu persu.
Ama chi t'ama, se vuoi avere spasso,
chè amare chi non t'ama è tempo perso.
Ama l'omu tò cu viziu sò,
pirchì ogni lignu havi u sò fumu.

Ama il tuo uomo con il suo vizio,
perchè ogni legno ha il suo fumo.

Amara a jatta ca stà 'nto fucularu
u cani unni arriva si rusica l'ossa
.
Guai alla gatta che stà vicina al focolare
il cane dove arriva si rosica le ossa.

Amuri, biddizzi e denari,
non si ponu ammucciari.
Amore, bellezze e denari,
non si possono nascomdere.
Amuri fattu ppi 'ntentu,
dura quantu lu ventu.

Amore fatto per scopo,(e non per
sentimento) dura quanto il vento.

A megghiu risposta è
chidda ca nun si duna.

La risposta migliore è
quella che non si dà.

Amuri è cecu e nun canusci lumi,
perdi lu 'ntillettu e lu bonu costumi
.
Amore è cieco e non conosce ragione
perdi l'intelletto e la buona creanza.

Asi e mutanni si calunu all'ultimu.

Assi e mutande si calano all'ultimo.

Baccu, tabbaccu e fimmini,
arriddùciunu l'omu in cinniri.
Bacco, tabacco e Venere,
riducono l'uomo in cenere.

Bon tempo e malu tempo,
non dura tuttu u tempu.
Buon tempo e mal tempo,
non durano tutto il tempo.
Buttani e cani quannu su'vecchi,
morunu di fami.

Puttane e cani quando saranno vecchi,
moriranno di fame.

Calati juncu ca passa a china.
Abbassati giungo che passa la piena.
Chiu longa è a pinsata,
chiu grossa è a minghiata
.
Più lungo è il pensiero,
più grossa è la fesseria
.
Chiddu ca ppi tia nun vuoi
ad autru non fari.
Quello che a te non piace
non farlo agli altri.
Chiamai l'ovvu ppi darimi aiutu
rapivu l'occhi e mi fici scandari.
Ho chiamato il cieco per farmi aiutare
ha aperto gli occhi e mi ha fatto spaventare.
Cucini, cugnati e cumpari,o spissu
i corna ti fanu attruvari.

Cugini, cognati e compari, spesso
le corna ti fanno trovare.

Cu' arroba pri mangiari 'un fa piccatu.
Chi ruba per mangiare non fa peccato.
Cu havi denari picca, sempri cunta;
e cu havi a mugghieri bedda, sempri canta.
Chi ha pochi denari, li conta sempre;
e chi ha la moglie bella sempre canta.
Cu' havi la cugnintura e non si nni servi,
non c'è cunfissuri ca l'assolvi.
Chi ha l'occasione e non se ne serve,
non trova confessore che l'assolve.
Cu lassa a vecchia 'ppa nova,
mali s'a'trova.
Chi lascia la vecchia per la nuova,
male si trova.
Cu prima non pensa, all'ultimu suspira. Chi prima non pensa, all'ultimo sospira.
Cu sbagghia u maritari,
pigghia 'na mazzira e s'abbia a mari.
Chi sbaglia a maritarsi,
prende un masso e si butta a mare.
Cu pò fari e non fà, campa scuntentu.

Chi può fare e non fà campa scontento.

Davanti 'e porti e supra 'e casci
sì cci'assèttinu i bagasci.
Davanti le porte e sopra le casse
si ci siedono le bagasce.
Dici lu cappillanu a la batissa:
senza dinari non si canta missa.

Dice il cappellano alla batessa:
senza denari non si canta messa.
E' bona fimmina chidda ca non parra E' una buona femmina quella che non parla.
Fimmina ca si 'mpupa e fa tuletta,
o è 'nnamurata, o è cajorda netta.
Femmina che si fa bella, o è innamorata
o non ha voglia di fare lavori domestici.
Fuiri non è virgogna ma è sarvamentu
di vita.
Fuggire non è vergogna ma è salvare
la vita.
Fimmina ca non s'allucia a l'oru,
vali chiossai di 'n trisoru.
Donna che non si fa abbacinare dall'oro,
vale di più di un tesoro
.
Guai e peni cu l'havi si teni.

Guai e pene chi lì ha se li tiene.

I corna fannu mali quannu nascinu,
m'aiutunu a campari quannu crisciunu.
Le corna fanno male quando nascono
ma aiutano a campare quando crescono.
I vai da pignata,
i sapi a cucchiara ca i rimina.
I guai della pentola,
li sà il cucchiaio che la mescola.
I soddi fanu veniri a vista all'orbi.
I soldi fanno venire la vista agli orbi.
L'acqua si ni va 'nta la pinnenza,
l'amuri si ni va unni c'è spiranza.

L'acqua scende lungo il pendio,
l'amore se ne va dove c'è speranza.

L'amuri è comu lu citrolu
cumincia duci, e poi finisci amaru.
L'amore è come il cetriolo
comincia dolce, e poi finisce amaro.
L'amuri tutti dicunu ch'è amaru,
ma ognunu voli vidiri se è veru.
L'amore tutti dicono che è amaro
ma ognuno vuol vedere se è vero.
La bedda senza doti havi
cchiù amanti ca mariti.
Una bella donna senza dote ha
più amanti che mariti.
L'arvulu pecca e la rama ricivi. L'albero pecca e il ramo riceve.
L'omu è lu focu, e la donna è la stuppa;
lu diavulu veni e ciuscia.

L'uomo è il fuoco e la donna lo stoppino;
il diavolo viene e ci soffia.

Mangia picca, si voi campari assai.
Mangia poco, se vuoi vivere molto.
Marititi quannu si circata,
e accatta quannu si priata.
Maritati quando sei cercata,
e compra quando sei pregata.
Megghiu 'mmidia ca pietà
Meglio invidia che pietà
Megghiu un aiutu, ca centu cunsigghi. Meglio un aiuto, che cento consigli.
Megghiu picca a godiri,
chi assai a trivuliari.
Meglio aver poco e goderselo,
che aver molto stando tribolati.
Morti e mala sorti, unni vai ti li porti
Morte e mala sorte, dove vai te le porti.
Nenti fari e nenti si sapi.
Niente fai e niente si sà.
Non cridiri a lu santu,
si non vidi lu miraculu.

Non credere al santo,
se non vedi il miracolo.

'Nta l'omu 'nnamuratu, chi'assai è
a passioni, chiù picca è 'a raggiuni.
Nell'uomo innamorato, più forte è
la passione, più debole è la ragione.
'Ntra amici e 'ntra parenti,
'n'accattari e 'un vinniri nenti.
Tra amici e tra parenti,
non comprare e non vendere niente.
Nuddu si pigghia si nun si rassumigghia Nessuno si prende se non si rassomiglia
Ogni biddizza cu lu tempu passa.
Ogni bellezza con il tempo passa.
Pensa o mali se vuoi u beni.

Pensa al male se vuoi il bene.

Quannu a fimmina mustra i minni,
-dici all'omu- <<Preitinni!>>
Quando la donna mostra il seno,
-dice all'uomo- <<Godine!>>.

Quannu na fimmina annaca l'anca,
se n'è buttana, picca ci manca.
Quando una donna muove l'anca,
se non è puttana poco ci manca.
Quantu va n'amicu 'n chiazza
'un ci va cent'unzi 'n cascia.

Quanto vale un'amico in piazza
non ci vale cento once nella cassa.
Ricchizzi e puvirtà,
tutti i cosi arrestunu ccà.
Ricchezze e povertà
son cose che rimangono quà.
Scarsi su' li cosi duci senza sali,
ma su' chiù scarsi l'amici fidili.

Scarse sono le cose dolci senza sale
ma ancora più scarsi gli amici fedeli.

Schetta nun t'appi e maritata t'appi.
Basta ca t'appi, comu t'appi t'appi!
Nubile non ti ho avuto e maritata si.
L'importante è che ti ho avuto.
Sulu tri cosi non si ponu ammucciari:
nè amuri, nè prinizza, nè dinari.
Solo tre cose non si possono nascondere:
amore, gravidanza,denari.
Si maritunu li puvireddi e fannu i puviridduni Si maritano i poveri e generano i poverelli
Si t' innamuri di la maritata,
la tò vita è comu 'mpristata.

Se ti innamori di una donna sposata,
la tua vita è come se fosse in prestito.

Sògiri e nori ittatili fori.

Suocere e nuore buttatele fuori.

Taliimi cu sugnu,
e non mi taliari cu era.
Guardami chi sono,
e non guardare chi ero.
Tri sunu li boni muccuna:
ficu, persica e muluna.
Tre sono i buoni bocconi:
fichi, pesche e meloni.
U ciumi ca si sparti a tanti banni
'nta qualcuna veni menu.
Il fiume che si divide in tante parti
in qualcuna viene meno.
U fuiri è virgogna,
ma è salvamentu 'i vita.
Scappare è vergogna,
ma è salvamento di vita.
Unni ci su campani ci su buttani.
Dove ci sono campane ci sono puttane.
U lettu fa du cosi, si non dormi ti riposi Il letto fa due cose, se non dormi ti riposi
U veru suddu,
è chiddu ca non voli sentiri.
Il vero sordo,
è quello che non vuol sentire.
Unni c'è nicissità, nun abita liggi.
Dove c'è necessità non esiste la legge.
Unni trasi lu suli nun trasi u dutturi.
Dove entra il sole non entra il dottore.
Un patri a centu figghi ci duna a mangiari,
ma centu figghi a 'mpatri no.
Un padre a cento figli dà da mangiare,
ma cento figli a un padre no.
Viva non ti potti vidiri,
morta ti mannu a salutari.
Viva non ti sopportavo,
morta ti mando a salutare.
Voi campari quantu voi ?
Mancia suppa avanti e poi.
Vuoi campare quanto vuoi ?
Mangia zuppa prima e poi.
Zita ca non è ammitata,
non havi seggia unni assittarisi.
Fidanzata che non è invitata,
non ha sedia dove sedersi.
Ziti a vasari e babbaluci a sucari
su' cosi chi nun ponnu mai saziari.
Fidanzate da baciare e lumache da succhiare
sono cose che non posson mai saziare.