Logo




A U L O S presenta
il gruppo I L I A in
SHIBBOLETH
Canti cunti e sapori di Sicilia



































































































































Miniminagghi
Indovinelli

Havi lu fiascu e vinu nun è,
havi li corna e voi nun è
pitta li mura e pitturi nun è.

Ha il fiasco e vino non è
ha le corna e bue non è
pittura i muri e pittore non è.

La lumaca

Sugnu riduttu cu la peddi e l'ossa
staiu appuiatu a un debuli vastuni,
'nto 'nvernu mi stiranu l'ossa
e 'nta stati mi mettunu 'nta 'nagnuni.


Sono ridotto con la pelle e le ossa
sto appoggiato a un debole bastone,
nell'inverno mi stirano le ossa
e in estate mi mettono in un angolo.

L'ombrello

Si non mi movu sugnu fimmina,
si mi movu sugnu masculu.

Se non mi muovo sono femmina,
se mi muovo sono maschio.

L'aria e il vento

Si mi tocchi t'astruppii,
si mi spogghi t'arricrii.

Se mi tocchi ti fai male,
se mi spogli ti ristori.

Ficodindia

C'è 'na cosa ca camina casa casa,
arreri a porta s'arriposa.

C'è una cosa che cammina casa casa,
dietro la porta si riposa.

La scopa

'Nta l'acqua nasci,
'nta l'acqua pasci
virennu l'acqua,
iddu spirisci.

Nell'acqua nasce,
nell'acqua pasce
vedendo l'acqua,
esso sparisce.

Il sale

Bedda signura dill'autu palazzu,
bianca sugnu e niura mi fazzu,
cadu 'nterra e nenti mi fazzu.


Bella signora dell'alto palazzo,
bianca sono e nera mi faccio,
cado a terra e nulla mi faccio.

L'oliva

Chiù ci nni levi,
e chiù grossa addiventa.

Più ne togli,
e più grossa diventa.

La buca
Davanti accuzza,
e d'arreri allonga.

Davanti accorcia,
e dietro allunga.

La strada
Sutta 'o lettu c'è 'na munachedda,
cummigghiata cu dudici mantedda,
si pi casu la vaiu a tuccari
m'abbruciunu l'occhi
e mi fa lacrimari.

Sotto il letto c'è una monachella,
coperta con dodici mantelli,
se per caso la vado a toccare
mi bruciano gli occhi
e mi fa lacrimare.

La cipolla

Sugnu 'na carusidda di 15 anni,
ma trasu e ma nesciu
comu una granni,
ma trasu asciutta e
ma nesciu vagnata
e ca punta arrussiata.

Sono una ragazzina di 15 anni,
la entro e la esco
come una grande,
la entro asciutta e
la esco bagnata
e con la punta arrossata.

La sigaretta

Travagghia, Marianu,
Travagghia 'nta lu chianu,
Travagghia notti e ghiornu
Senza vuscari 'n granu.
Palermo

Lavora, Mariano,
Lavora nella piazza,
Lavora notte e giorno
Senza guadagnare un grano. (lira)
Palermo

Orologio

Sugnu esposta ad acqua e vientu,
Sugnu 'ntisa e non mi sientu.
Ucca granni, e labbra stuorti,
Ciamu i vivi, e cianciu i morti.
Modica

Sono esposta all'acqua e al vento,
Sono sentita e non mi sento.
Bocca grande e labbra storte,
Chiamo i vivi, e piango i morti.
Modica

Campana

Haiu un marzapanieddu di rubbini,
E' veru ca non sunu tantu fini,
Ma sunu veri russi di culuri.
Cù mi lu 'nzerta è veru un gran dutturi.

Comiso

Ho un marzapane di rubini,
E' vero che non sono tanto fini,
Ma sono veri rossi di colore.
Chi indovina è un vero gran dottore.

Comiso

Melagrana

Mi scantu a pigghialla,
Mi mi scantu a tuccalla,
Ci tagghiu la testa,
Ci tagghiu la cura,
E vidu ddà dintra
'Na bella Signura.
Modica

Mi spavento a prenderla,
mi spavento a toccarla,
Le taglio la testa,
Le taglio la coda,
E vedu là dentro
Una bella Signora.
Modica

Ficodindia

Si duna latti 'un la taliu,
Si duna meli la disiu.

Chiaramonte

Se dà latte non la guardo,
Se dà miele la desidero.

Chiaramonte

Fico

Bianca montagna e niura simenza,
E l'omu chi sìmina sempri pensa.

Polizzi Generosa

Bianca montagna e nero il seme,
L'uomo che semina sempre pensa.

Polizzi Generosa

Lettera

Haju 'na bella qualità,
Piaciu a tutti li pirsuni,
Ora ccà, ora ddà,
Canciu sempre lu patruni.

Chiaramonte Gulfi

Ho una bella qualità,
Piaccio a tutte le persone,
Ora quà, ora là,
Cambio sempre il padrone.
Chiaramonte Gulfi

Moneta

La figlia di Chitichitossa
'Un avia purpa, nè carni, nè ossa;
E la mamma di Chitichitossa
Avia purpa, carni, e ossa.

Casteltermini

La figlia di Chitichitossa,
Non aveva polpa,nè carne, nè ossa;
E la mamma di Chitichitossa
Aveva polpa, carne, e ossa.

Casteltermini

Ricotta

Pilu ccu pilu si 'ncucchiunu a notti. Pelo con pelo si uniscono la notte Ciglia
Trasi dura e nesci modda Entra dura ed esce molle Pasta
Davanti m'accurza e
d'arreri m'allonga
Davanti si accorcia e
dietro si allunga
Strada
O scuru o scuru c'ia vaiu mittennu Al buio al buio la vado mettendo Chiave
C'è na cosa longa tanta,
stuccatedda di lu schinu,
arrivannuti dda cosa,
s'arrimina pilu pilu.
C'è una cosa lunga tanta,
piegata nella schiena,
arrivandoti quella cosa,
si agita pelo pelo.
Rasoio