Logo




A U L O S presenta
il gruppo I L I A in
SHIBBOLETH
Canti cunti e sapori di Sicilia



































































































































Etna



Il vulcano di Catania. Detto anche Mongibello, che vuol dire il monte Monte: gebel, in arabo, vuol dire monte. Dunque, il monte per eccellenza. Così lo chiamarono gli arabi quando, dall'826 al 1091, dominarono in Sicilia.

L'Etna non è solo una delle aree morfologiche e geologiche più interessanti del nostro continente, un grande vulcano ancora attivo che nel corso di centinaia di migliaia di anni ha creato attorno a sè un ambiente unico con una flora ed una fauna particolari; non è solo un campo di ricerca permanente per gli scienziati che studiano la formazione del nostro pianeta; non è solo una meta turistica ricca di stupendi panorami, di boschi, di grotte; non è solo un'importante stazione sciistica.

L'Etna è soprattutto un luogo mitico e misterioso, uno spazio più della mente e dello spirito che fisico, una creazione dell'immaginario collettivo elaborata nei millenni dalla cultura classica e dalla moderna cultura europea: sede di dèi e di giganti ( da Vulcano a Polifemo ), bocca dell'inferno, abitazione di ninfe e di dèmoni, terra di contrasti e di contraddizioni ( vita-morte, neve-fuoco, fertlità-roccia).

A questo aggiungiamo le eruzioni che, facendo spettacolo, chiamano studiosi, curiosi e inviati speciali dei giornali di tutto il mondo. Fra le più antiche eruzioni, impressionante dovette essere quella del 396 a.c., che arrivò al mare e impedì al condottiero cartaginese Imilcone di percorrere il litorale da Naxos a Catania.

Nel 1329 una eruzione partì dalla valle del bove presso Rocca Musarra: una diramazione invase il territorio di Mascali, un'altra avanzò nel mare a nord di Acireale, un'altra ancora minacciò Catania. Tra le eruzioni moderne, la più famosa e distruttiva fu quella del 1669 iniziatasi l'11 marzo da uno squarcio apertosi fra il cratere centrale e Nicolosi.

Nella parte inferiore si aprì la bocca effusiva con diverse bocche esplosive, i cui materiali formarono diverse colline, fra le quali i Monti Rossi. Ai piedi di questi proruppe un immenso torrente di lava fluida ( 968 milioni di metri cubi di lava 9 che raggiunse l'abitato di Catania, ne seppellì una parte e arrivò al mare, avanzando per quasi 700 metri.

Fu l'eruzione più colossale salvo una, preistorica, che emise mille milioni di metri cubi di lava. L'altezza del vulcano, come di tutti i vulcani, è andata variando col tempo, a cagione dei depositi talvolta imponenti di materiale, emesso dalle bocche, sull'orlo del cratere stesso, oppure per sprofondamenti di questo materiale.

E' stata, per esempio: di 3.313 metri nel 1865; di 3.274 nel 1900; di 3.263 nel 1932; di 3.269 nel 1942; di 3.295 nel 1956; di 3.326 nel 1966; di 3.346 nel 1971. Enc. Ct Tringale Editore 1987



Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS


Catania com'era - Foto -


Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS