Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi


'U pisciaru d' 'a Trizza
(Il pescatore di Acitrezza)


Testo Originale
Traduzione Letterale

Vivi di ora su, vivi di ora
opi e munaceddi di lognina.

Sugnu trizzotu e sugnu marinaru,
e passu ogni matina di sta strata,
cu sta bilanza e stu nicu panaru,
vinnennu pisci di la me cuntrada.

E vanniannu (1) pisci di la Trizza,
s'affaccia na carusa bedda e rizza.

E mi dici cumpareddu chi c'è 'nta stu panaru ?
iu c'arrispunnu opi da Trizza e du casteddu
e mentri ca ci fazzu la pisata,
ci la vulissi dari na vasata.

Ora ca s'imparò la vuci mia,
quannu vanniu (1) s'affaccia e poi m'arriri
cu st'ucchizzi di stiddi mi talia,
sà quanti cosi mi vulissi diri

Mentri cu l'occhi la luci mi manna,
cu dda vuccuzza duci m'addumanna.

E mi dici cumpareddu chi c'è 'nta stu panaru ?
iu c'arrispunnu opi da Trizza e du casteddu
e mentri ca ci fazzu la pisata,
ci la vulissi dari na vasata.

Intra stu panareddu c'è sarvata
na rosa bedda e russa comu a idda,
ora ci tornu a passu di sta strata,
pi vidiri s'attrovu a sta pupidda.

E ci la dugnu cu tuttu lu cori,
accumpagnata di sti dui paroli.

Pigghiativi stu ciuri ciatu di l'arma mia,
ca vi la dugnu st'anima pirchì vi cercu amuri
e ci lu vogghiu dari m'vasuneddu
'nta stu mussiddu duci e tantu beddu.
Vivi di ora sono, vivi di ora
ope e monacelle di lognina.

Sono di Acitrezza e sono marinaio,
e passo ogni mattina da questa strada,
con questa bilancia e questo piccolo paniere,
vendendo pesce della mia contrada.

E "vanniannu" (1) pesce di Acitrezza,
si affaccia una ragazza bella e riccia.

E mi dice comparello cosa c'è in quel paniere?
io le rispondo ope di Acitrezza e di Acicastello
e mentre le peso il pesce
le vorrei dare un bacetto

Ora che si è imparata la mia voce
quando "vanniu"(1) si affaccia e poi mi ride,
con quegli occhi di stelle mi guarda
chissà quante cose mi vorrebbe dire.

Mentre con gli occhi la luce mi manda,
con quella boccuccia dolce mi domanda.

E mi dice comparello cosa c'è in quel paniere
io le rispondo ope di Acitrezza e di Acicastello
e mentre le peso il pesce
le vorrei dare un bacetto.

Dentro questo paniere c'è conservata
una rosa bella e rossa come lei
ora ci torno a passare da questa strada,
per vedere se ritrovo questa pupa.

E gliela dò con tutto il cuore,
accompagnata da queste parole.

Prendetevi questo fiore alito dell'anima mia,
che ve la dò quest'anima perchè vi cerco amore
e le vorrei dare un bacetto
in quel musetto dolce e tanto bello.


Vanniannu - Vanniu (1)- E' una caratteristica dei venditori ambulanti, o nei mercati, quella di gridare sottolineando i pregi della propria merce ( vanniare)

Guarda il filmato, il secondo canto è : U pisciaru dda Trizza