Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi


Ucchiuzzi beddi
(Occhi belli)


Testo Originale
Traduzione letterale

Bedda ca ccu l'ucchiuzzi arragiunati
dicitimi su beni mi vuliti,
lu vogghiu dittu ccu s'occhi 'nfatati,
ca ppi stu cori su du calamiti.

Siti lu suli quannu mi guardati,
suli ca d'ogni mali mi guariti,
ppi mia fa ghiornu quannu v'affacciati
e scura quannu vui vi nni trasiti.

La chiù bedda ca fici lu Signuri,
dicu ca siti vui, senza sbagghiari;
siti lu ciatu miu, stidda e caluri,
pi mia st'amuri è un timpistusu mari.

Ciatu di l'occhi mei, stidda d'amuri,
si mi diciti ca vi pozzu amari,
pi vui diventu un giuvini d'onuri,
lu specchiu miu sarannu ss'occhi chiari.
Bella che con quegli occhi ragionate
ditemi se bene mi volete,
lo voglio detto con quegli occhi fatati,
che per questo cuore sono due calamite.

Siete il sole quando mi guardate,
sole che di ogni male mi guarite
per me è un nuovo giorno quando v' affacciate
e fa buio quando voi rientrate.

La più bella che ha fatto il Signore,
dico che siete voi senza sbagliare;
siete il fiato mio, stella e calore,
per me quest'amore è un tempestoso mare.

Fiato degli occhi miei, stella d'amore,
se mi dite che vi posso amare,
per voi divento un giovane d'onore,
lo specchio mio saranno quegli occhi chiari.