Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi


Sicilia mia Sicilia


Testo Originale
Traduzione letterale


laralalalalalallala,laralalalalalallala,
laralalalalalallala, laralalalalala,

Si circundata  tutta di lu mari,
e si vistuta d'oru e  di  lu suli.
li furasteri venunu a migghiara,
picchì di tia su troppu 'nnammurati.

E vannu ppi Catania e Palermu,
ppi Aci Taummina e Sirausa,
ppi l'Etna, Agrigentu e ppi Missina,
truvannu suli e ciuri e antichità!

Sicilia mia Sicilia, si vera 'bbedda assai,
Sicilia, mia Sicilia, iu non ti lassu 'cchiù:
'cca 'ssulu si 'po sentiri prufumu supraffinu
di gessuminu e zagara 'ca 'nnammurari fa.

la ra la la la la la lla la,la ra la la la la la lla la,
la ra la la la la la lla la la ra la la la la la,

Tu si  la terra di la primavera,
d'aranci alivi e mennuli ciurusi,
li marranzani cantunu ogni sira,
facennu li 'cchiù belli sirinati.

Tu si la terra di la tarantella,
ca  metti 'ntra lu cori l'allegria,
è risaputu ormai ca cu l'abballa,
si senti chinu di felicità.

Sicilia, mia Sicilia, si vera bedda assai,
Sicilia, mia Sicilia, iu non ti lassu 'cchiù.
'Cca 'ssulu si 'po sentiri prufumu supraffinu,
di gessuminu e zagara 'ca 'nnammurari fa.
laralalalalalallala,laralalalalalallala,
laralalalalalallala, laralalalalala,

Sei circondata tutta dal mare,
e sei vestita d'oro e di sole,
i forestieri vengono a migliaia,
perchè di te sono troppo innamorati.

E vanno per Catania e Palermo,
per Aci Taormina e Siracusa,
per L'Etna, Agrigento e per Messina,
trovando sole e fiori e antichità!

Sicilia mia Sicilia, sei bella assai,
Sicilia mia Sicilia, io non ti lascio più:
qua solo si può sentire un profumo sopraffino
di gelsomino e zagara che innamorare fa.

la ra la la la la la lla la,la ra la la la la la lla la,
la ra la la la la la lla la la ra la la la la la,

Tu sei la terra della primavera,
di arance ulivi e mandorle odorosi,
i marranzani cantano ogni sera,
facendo le più belle serenate.

Tu sei la terra della tarantella,
che metti dentro il cuore l'allegria,
è risaputo ormai che chi la balla,
si sente pieno di felicità.

Sicilia mia Sicilia, sei bella assai,
Sicilia mia Sicilia, io non ti lascio più:
qua solo si può sentire un profumo sopraffino
di gelsomino e zagara che innamorare fa.