Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi


  Serenata
 (Serenata )


Testo Originale
Traduzione Letterale

Affaccia Rosa amabuli,
e sentimi cantari,
cà figghia, pi tia monacu
iu m'haiu a ghiri a fari.

'Ncampagna minni vaju,
fora d''i cappuccini,
pi fari pinitenza
a li mei carnuzzi fini.

Pensu lu mali dormiri,
pensu com'haju a fari
vistutu cu la tonaca
e a capizzu un canali.

Passa lu guardianu,
sona lu matutinu,
e iu l'amaru misaru
m'hè susiri matinu.

Pi la cerca mi mannaru,
nni tia m'hannu a mannari,
figghia, vegnu nni tia,
pi scusa di circari.

'Nta tonaca ti portu
favuzzi caliati,
'na lattuchedda morbita,
quattru olivi cunzati.

Lu sai zocc'hè pinsatu?
megghiu ch'ascuti a mia,
tu monaca t'ha fari
di dintra sta badia.

Essennu fatta monaca,
nuddu cchiù pò parrari,
tu monaca, iu monacu,
'nzemula avemu a stari.
Affacciati Rosa amabile,
e sentimi cantare,
che per te figlia, monaco
io mi devo andare a fare.

In campagna me ne vado,
fuori dai cappuccini,
per fare penitenza
alla mia carne fine.

Pensu al mal dormire,
pensu cosa devo fare,
vestito con la tonaca
e per guanciale un canale.

Passa il guardiano,
suona la sveglia del mattino,
e io amaro misero
mi debbo alzare di mattina presto.

Per l'elemosina mi hanno mandato,
da te mi dovevano mandare,
figlia, vengo da te,
con la scusa di elemosinare.

Nella tonaca ti porto
fave abbrustolite,
una lattughina morbida,
un pò di olive condite.

Lo sai cosa ho pensato?
meglio che ascolti me,
tu monaca ti devi fare
dentro questo convento.

Essendoti fatta monaca,
nessuno più può parlare,
tu monaca, io monaco,
insieme dobbiamo stare.


Leggi lo spartito musicale

Highslide JS
Serenata.
Highslide JS
Serenata.