Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi


Quantu nni patu
(Quanto ne soffro)


Titolo Originale
Traduzione Letterale


Oh quantu longa mi pari 'sta strata,
quantu ni patu p'attruvari a tia!
Lu cavaddu si ferma di 'cchianata,
la rota pigghia scaffi e nun furria.

Partu ccù lu bon tempu, a matinata;
Lu suli mi faceva cumpagnia...
Poi vinni la timpesta,
timpesta a l'impinsata
e lu cavaddu persi la valìa.

Ma si t'affacci di la barcunata,
quannu la vuci di l'amuri senti,
torna lu suli 'ntra la mé jurnata
e scordu tutti li mé patimenti.

Rosa di maju frisca, spampinata,
sbucciata sula a lu mé cori ardenti...
Ppi mia lu ventu e l'acqua,
l'acqua e la jlata,
quannu passu di cca nun sù cchiù nentì!
Oh quanto lunga mi sembra questa strada,
quanto soffro per trovare te!
Il cavallo si ferma nella salita,
la ruota prende le buche e non gira.

Parto con il buon tempo, di mattina presto;
Il sole mi faceva compagnia...
Poi arrivò la tempesta,
tempesta all'improvviso
e il cavallo perse la baldanza.

Ma se ti affacci al tuo balcone,
quando la voce dell'amore senti,
torna il sole nella mia giornata
e scordo i miei patimenti.

Rosa di maggio fresca e radiosa,
sbocciata sola col calore del mio cuore...
Per me il ventu e l'acqua,
l'acqua e il gelo,
quando passo di quà non sono più niente.