Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi


La bella Agatina rapita dai Turchi
Raccolta-Favara


Testo Originale
       Traduzione Letterale


'Ntra ville e valli e 'ntra boscura funni
unn'è l'amanti mia ? di cca' mi spriu !
la vaju pi circari e 'un trovu d'unni,
pi lu so' amuri lu munnu firriu

Vaiu a lu mari e c'addumannu all' unni :
forsi passau di cca' l'amuri miu ?
e l'ecu di luntanu m'arrispunni ,
ca schiava di li turchi si nni iu

M'addisiassi la spada d'Orlandu
quantu girassi ppi tuttu lu munnu.
La me' Agatuzza mi mori chist'annu!
cu t'affirrau ivì, iu mi cunfunnu.!

Fu so' mammuzza, cu cori tirannu,
la manno' a mari a circari lu nonnu.
Comu 'ngagghiasti! 'Un sintisti lu bannu ?
" 'Un jti a mari, li Turchi ci sunnu ! "
Fra ville e valli e tra il bosco più fitto
dov'è l'amante mia ? di quà è sparita!
la vado cercando e non la trovo
per il suo amore il mondo giro.

Vado al mare e chiedo alle onde
forse è passato di quà l'amore mio
e l'eco da lontano mi risponde,
che schiava dei turchi se nè andata

Desidererei la spada di Orlando
per girare tutto il mondo
la mia Agata mi muore quest'anno
chi ti ha afferrato,ohimè io mi confondo.

Fu sua mammina, con cuore tiranno
la mandò a mare a cercare il nonno.
Come ci sei caduta ! non hai sentito il bando?
"Non andate a mare, i Turchi ci sono "