Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi




Mi sconcica
(Mi stuzzica)


Testo Originale Traduzione Letterale

Mentri 'ncartava aranci e mannarini
c'è Turi lu casciaru mamma mia
è tuttu u jornu ca mi cutturia
è 'nnamuratu e comu 'npazzu fa

Mi sconcica, mi sconcica, mi sconcica mamà
mentri ca travagghiava, mi dissi chistu cà:
ppi tia Rusidda spasimu, non ci la fazzu cchiù
bedda la vucca vasimi l'amuri miu si tu
Si seguita accussì occhè matina,
lu vasu si, ma a corpi di tappina

Mentri chiantava 'nchiou 'nda na cascia,
ppi taliari a mia s'astruppiau
e pu duluri na schigghia ittau
ppi tia Rusidda mi dissi ca fu

Mi sconcica, mi sconcica, mi sconcica mamà
mentri ca travagghiava, mi dissi chistu cà:
ppi tia Rusidda spasimu, non ci la fazzu cchiù
bedda la vucca vasimi l'amuri miu si tu
Si seguita accussì occhè matina,
lu vasu si, ma a corpi di tappina

'Ntantu parrannu cu la viritati
a stari schetta cchiù non mi cummeni
dici ca maritati si sta beni
senza l'amuri lu munnu cchi è

Lu sconcicu,lu sconcicu, lu sconcicu mamà
senza cchiù tempu perdiri ci dicu chistu cà
ppi tia Turiddu spasimu non ci la fazzu cchiù
beddu la vucca vasimi, l'amuri miu si tu
E non lu vasu cchiù cu la tappina
ma cu la vucca di sira e matina
Mentre incartavo arance e mandarini
c'è Turi "lu casciaru" mamma mia
è tutto il giorno che mi infastidisce
è innamorato e come un pazzo fà

Mi stuzzica, mi stuzzica,mi stuzzica mamà
mentre lavorava, mi ha detto questo quà:
per te Rosina spasimo, non ce la faccio più
bella dammi un bacio l'amore mio sei tu.
Se continua così ogni mattina,
lo bacio si a colpi di scarpina.

Mentre piantava un chiodo in una cassa
per guardare me si è fatto male
e per il dolore un grido ha emesso
per te Rosina mi disse che fù

Mi stuzzica, mi stuzzica,mi stuzzica mamà
mentre lavorava, mi ha detto questo quà:
per te Rosina spasimo, non ce la faccio più
bella dammi un bacio l'amore mio sei tu.
Se continua così ogni mattina,
lo bacio si a colpi di scarpina.

Intanto parlando con la verità
a stare nubile più non mi conviene
dicono che maritate si stà bene
senza l'amore il mondo cos' è

Lo stuzzico, lo stuzzico, lo stuzzico mamà
senza più perdere tempo gli dico così:
per te Turi spasimo non ce la faccio più
bello dammi un bacio, l'amore mio sei tu
E non lo bacio più con la scarpina
ma con la bocca da sera a mattina









Le prime arance in Sicilia sono state introdotte dagli Arabi che intorno al X secolo iniziarono a coltivare l'arancio amaro ( Citrus aurantium ), si deve invece ai Genovesi e ai Portoghesi l'introduzione dell'arancio dolce ( Citrus sinensis ) a cavallo tra il XV e il XVI secolo.