Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi


Malatu p'amuri
( Malato per amore)


Titolo Originale
Traduzione Letterale


Taliannuti a lu spissu
sugnu tuttu ammaraggiatu;
Lu me sangu 'un è lu stissu:
comu un gelu è divintatu.

Cu st'ucchiuzzi ti taliu,
moru, spasimu e diliru:
Iu mi sentu 'ntra lu cori...
'Na mancanza di rispiru.

Vinni 'u mericu a osservari
li mè affanni e li mè peni;
Iu mi misi a raccuntari
lu caciuni d'unni veni.

E lu mericu mi dissi:
figghiu, lassa sta partita:
Si sta donna tu nun lassi
pocu dura la tò vita.

Iu sintennu ddu parrari
cci rispusi a vuci forti:
A sta donna 'un sò lassari,
non mi scantu di la morti;

Idda stissa lu pò diri
s'è sinceru lu mè amuri,
m'accuntentu di muriri,
e 'un chiamarmi tradituri!

Guardandoti spesso
Sono tutto turbato;
Il mio sangue non è lo stesso:
Come gelo è diventato.

Con questi occhi ti guardo,
muoio spasimo e deliro:
Io mi sento dentro il cuore...
una mancanza di respiro.

Venne il medico ad osservare
i miei affanni e le mie pene;
Io mi son messo a raccontare
la causa da dove viene.

E il medico mi disse:
figlio, lascia questa partita:
Se questa donna tu non lasci
poco dura la tua vita.

Io sentendo quel parlare
ho risposto ad alta voce:
Questa donna non la sò lasciare,
non mi spavento della morte;

Lei stessa lo può dire
se è sincero il mio amore,
mi accontento di morire,
e non chiamarmi traditore!