Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi


 Malarazza
(Brutta razza)


Testo Originale Traduzione Letterale

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti ?
Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti ?
Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti ?
Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti ?
Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!

Nu servu tempu fa d’intra 'na piazza
prigava a Cristu in cruci e ci dicia:
“Cristu, lu mi padroni mi strapazza
mi tratta comu un cani pi la via.

Si pigghia tuttu cu la sua manazza
Mancu la vita mia dici che è mia
Distruggila Gesù sta malarazza!
Distruggila Gesù fallu pi mmia!
…fallu pi mia!”

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti?
Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti?
Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!

E Cristu m’arrispunni dalla cruci:
“Forsi si so spizzati li to vrazza?
Cu voli la giustizia si la fazza!
Nisciuni ormai chiù la farà pi ttia!

Si tu si un uomo e nun si testa pazza,
ascolta beni sta sentenzia mia,
ca iu ‘nchiodatu in cruci nun saria
s’avissi fattu ciò ca dicu a ttia.
ca iu 'nchiuvatu in cruci nun saria."

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti ?
Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti ?
Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti ?
Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti ?
Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti , ma che ti lamenti?
Prendi un bastone e tira fuori i denti!
Tu ti lamenti , ma che ti lamenti?
Prendi un bastone e tira fuori i denti!

Tu ti lamenti , ma che ti lamenti?
Prendi un bastone e tira fuori i denti!
Tu ti lamenti , ma che ti lamenti?
Prendi un bastone e tira fuori i denti!

Un servo tempo fa dentro una piazza,
Pregava a Gesù in croce e gli diceva:
"Cristo, il mio padrone mi strapazza
mi tratta come un cane per la via.

Si prende tutto con la sua manaccia
Neanche la vita dice che è mia
Distruggila Gesù questa brutta razza!
Distruggila Gesù fallo per me !
...fallo per me!"

Tu ti lamenti , ma che ti lamenti?
Prendi un bastone e tira fuori i denti!
Tu ti lamenti , ma che ti lamenti?
Prendi un bastone e tira fuori i denti!

E Cristo mi risponde dalla croce:
"Forse si sono spezzate le tue braccia?
Chi vuole la giustizia se la faccia!
Nessuno ormai più la farà per te!

Se tu sei un uomo e non sei testa pazza,
ascolta bene questa sentenza mia,
che io inchiodato in croce non sarei
se avessi fatto ciò che dico a te.
che io inchiodato in croce non sarei"

Tu ti lamenti , ma che ti lamenti?
Prendi un bastone e tira fuori i denti!
Tu ti lamenti , ma che ti lamenti?
Prendi un bastone e tira fuori i denti!

Tu ti lamenti , ma che ti lamenti?
Prendi un bastone e tira fuori i denti!
Tu ti lamenti , ma che ti lamenti?
Prendi un bastone e tira fuori i denti!





Malarazza” tratta da una poesia di un anonimo siciliano, pubblicata nella raccolta di canti popolari siciliani di Lionardo Vigo Calanna, marchese di Gallodoro nel 1857, fu scritta da Domenico Modugno, nel 1976.

Il testo parla di un servo che viene picchiato e maltrattato da un prepotente e chiede
giustizia a Gesù che, sconsolato, gli risponde di farsi giustizia da solo, se la vuole,
tirando fuori i denti e combattendo perché nessuno la farà mai al posto suo.

Guarda il video