Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi


  U malantrinu
(Il malandrino)


Testo Originale
Traduzione Letterale

Ju sugnu 'nomu troppu malantrinu
e sugnu 'ntisu 'ntra lu me quarteri,
li cosi cchiù segreti e cchiù 'mpurtanti
di sutta li me manu hannu a passari.

Li fimmini cchiù beddi ddo paisi
di mia su pazzamenti 'nnamurati
e ju ccu tutti mi cci fazzu zitu
e passu tempu tutti li jurnati.

Me matri già mi fici malantrinu
Turiddu spaccatuttu ju mi chiamu,
ccu mia non ci pò mancu a jttatura
e non mi scantu no di la lupara.

Ccu mia daveru picca s'à parrari
'm'atà capiri ccu na taliata
e 'nzoccu dicu ju prestu s'à fari
sannunca spattu a tutti timbulati.

Mi chiamunu Turiddu mafiusu
na musca non mi passa ppi lu nasu
e quannu vogghiu sugnu priputenti
amara a ccu m'accapita davanti

Ma quannu parru ccu na picciuttedda
e specialmenti quannu mi piaci
diventu bonu e duci 'ndo parrari
e a fazzu prestu prestu 'nammurari.

Me matri già mi fici malantrinu
Turiddu spaccatuttu ju mi chiamu,
ccu mia non ci pò mancu a jttatura
e non mi scantu no di la lupara.

Ccu mia daveru picca s'à parrari
'm'atà capiri ccu na taliata
e 'nzoccu dicu ju prestu s'à fari
sannunca spattu a tutti timbulati.
















Io sono un'uomo troppo malandrino
e sono rispettato nel mio quartiere
le cose più segrete e più importanti
da sotto le mie mani devono passare.

Le femmine più belle del paese
di me sono pazzamente innamorate
e io con tutte mi ci fidanzo
e mi diverto tutti i giorni.

Mia madre mi ha fatto malandrino
Salvatore spaccatuttu io mi chiamo
con me non ci può neanche la iettatura
e non ho paura della lupara

Con me davvero poco si deve parlare
mi dovete capire con uno sguardo
e quello che dico io si deve fare subito
sennò riceverete tutti dei sonori schiaffi.

Mi chiamano Salvatore il mafioso
una mosca non mi passa per il naso
e quando voglio sono prepotente
guai a chi mi capita davanti.

Ma quando parlo con una ragazza
e specialmente quando mi piace
divento buono e dolce nel parlare
e la faccio subito innamorare.

Mia madre mi ha fatto malandrino
Salvatore spaccatuttu io mi chiamo
con me non ci può neanche la iettatura
e non ho paura della lupara.

Ccu mia daveru picca s'à parrari
'm'atà capiri ccu na taliata
e 'nzoccu dicu ju prestu s'à fari
sannunca spattu a tutti timbulati.