Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi


Lu focu di la pagghia
(Il fuoco della paglia)

Testo Originale Traduzione Letterale
Lu focu di la pagghia pocu dura,
quantu l’amùri di la munzignàra,
l’amùri to’ duràu menu d’un’ura,
vampàta capriccìusa di magàra.

L’occhiu amurùsu miu ti vitti chiara,
surgìva d’acqua cristallina e pura,
e inveci eri limàzzu di ciumàra,
eri lu stagnu di la fugnatùra.

Stannu sunànnu a mortu li campàni
ora c’assassinàsti lu me amùri,
lu suli si stutàu, nun c’è dumàni
pi ‘stu me cori chinu di dulùri.

Li lupi si stanàru di li tani
stannu sfussànnu tombi e sipultùri,
cèrcanu crozzi ‘i mali cristiàni
pi’ daritìlli a tia ‘n cànciu di ciùri.
Il fuoco della paglia poco dura,
quanto l'amore di una bugiarda,
l'amore tuo è durato meno di un'ora,
fiammata capricciosa di megera.

L'occhio mio amoroso ti vide chiara,
sorgente d'acqua cristallina e pura,
e invece eri limo di fiume,
eri ristagno della fognatura.

Stanno suonando a morte le campane,
ora che hai assassinato il mio amore,
il sole s'è spento, non c'è domani
per questo mio cuore pieno di dolore.

I lupi sono usciti dalle tane,
stanno aprendo tombe e sepolcri,
cercano teschi di cattivi cristiani,
per darle a te in cambio di fiori.