Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi


U jadduzzu
(Il gallo)


Testo Originale Traduzione Letterale

L'aviti vistu ' ngnadduzzu cummari,
ca ora ora passau di cca.
I ù cu stu iaddu non 'sacciu cc'à fari,
ca notti e jornu 'npazziri mi fà.

ah! chicchirichi
ti sentu cantari e non sacciu unni si.

Cummari bedda, sbagghiasturu strata
ca lu so iaddu 'ssa d'unni pigghiò.
Circatavillu 'nta nautra cuntrada,
no di sta strata sicuru passò.

ah! chicchirichi
ti sentu cantari e non sacci' unni si.

Ci pirmittiti cummari ca trasu,
c'à mia mi pari ca ciauru c'è.
Au si sbagghiati vi scippu lu nasu,
genti cchiù onesta di mia non cci nè.

ah! trasu...no.. no...
su 'npugnu di favi ca Puddu purtò.

Chi favi ,latra e sfacciata ca siti,
è lu me iaddu ca ciauru fa.
A mia linguta, sti cosi diciti,
ah! se vi pigghiu viniti cchiù cca.

ah! chicchirichi
ci persi lu jaddu e li quattru tari.
L'avete visto un gallo comare,
che poco fà è passato di quà.
Io con questo gallo non sò più cosa fare
perchè notte e giorno impazzire mi fà.

ah! chicchirichi
ti sento cantare e non sò dove sei.

Comare bella ,avete sbagliato strada
perchè il suo gallo chissà dove è andato.
Provate a cercarlo in un'altra contrada
no da questa strada sicuro passò.

ah! chicchirichi
ti sento cantare e non so dove sei.

Ci permettete comare che entro,
a me sembra che odore c'è.
Ehi! se sbagliate vi tiro il naso,
gente più onesta di me non cè nè.

ah! entro...no...no
sono un poco di fave che Giuseppe portò.

Quale fave, ladra e sfacciata che siete,
è il mio gallo che odore fà.
A me linguacciuta, queste cose mi dite,
ah! se vi prendo venite più in quà.

ah! chicchirichi
ho perso il gallo e i quattro tarì.





Nella foto, Tarì coniato sotto Carlo II di Napoli (1674-1700)


I tarì o ruba'i è una moneta d'oro di origine araba (1,05 gr. ca.), equivalente a 1/4 di Dinar coniata dai Fatimidi verso il X sec. in Sicilia.
I tarì siciliani sono sicuramente tra le più prestigiose monete all'epoca, accettate in tutto il Bacino del Mediterraneo.