Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi


I pirati a Palermu
( I pirati a Palermo)

Testo Originale
Traduzione letterale

Arrivaru li navi
tanti navi a Palermu
li pirati sbarcaru
cu li facci di nfernu.
N'arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru,
chi scuru, Sicilia, chianci !

Tuttu l'oru all'aranci
li pirati arrubbaru
li campagni spugghiati
cu la neggia lassaru.
N'arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru,
chi scuru, Sicilia, chianci !

Li culura a lu mari
arrubbaru chi dannu!
Su mpazzuti li pisci
chi lamentu chi fannu.
N'arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru,
chi scuru, Sicilia, chianci !

A li fimmini nostri
ci scipparu di l'occhi
la lustrura e lu focu
c'addumava li specchi.
N'arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru,
chi scuru, Sicilia, chianci !

Sono arrivate le navi
tante navi a Palermo
i pirati sono sbarcati
con le facce d'inferno
Ci hanno rubato il sole, il sole
siamo rimasti al buio,
che buio, Sicilia piangi !

Tutto l'oro alle arance
i pirati rubarono
le campagne depredate
con la nebbia lasciarono.
Ci hanno rubato il sole, il sole
siamo rimasti al buio,
che buio, Sicilia, piangi !

I colori al mare
rubarono che danno!
Sono impazziti i pesci
che lamento che fanno.
Ci hanno rubato il sole, il sole
siamo rimasti al buio,
che buio, Sicilia, piangi !

Alle femmine nostre
ci hanno scippato davanti agli occhi
lo splendore e il fuoco
che accendeva gli specchi.
Ci hanno rubato il sole, il sole
siamo rimasti al buio,
che buio, Sicilia, piangi !