Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi

Luntananza


Testo Originale
Traduzione Letterale

O luna, luna chi manni chiaria,
supra tuttu lu munnu e 'ntra lu mari,
ppi favureddu, t'insignu la via,
sti du casuzzi mi l'ha salutari.

'nta 'na casa ci sta 'na vicchiaredda,
chi fa quasetta sutta la lumera,
'nta 'nautra casa 'na picciotta bedda,
c'aspetta lu so amuri e sempri spera.

Sti du casuzzi ccu sti du tisori,
sunu alli faldi di 'nmunti 'nfucatu,
a me matruzza portici lu cori,
e a la me bedda portici lu ciatu.

O luna bedda mia diccillu tu
diccillu luna mia,
quant'è ca soffri lu me cori,
dicci ca forsi cca non tornu cchiù.

E cca lassu la me gioventù
luntanu di iddi moriri mi sentu accussi
O luna, luna che mandi chiarore,
sopra tutto il mondo e nel mare,
per favore, ti insegno la via,
queste due casette me li devi salutare.

In una casa ci sta una vecchietta,
che fa calzette sotto il lume,
in un'altra casa una ragazza bella,
che aspetta il suo amore e sempre spera.

Queste due casette con questi due tesori,
sono alle falde di un monte infuocato,
a mia madre portaci il cuore,
e alla mia bella portaci il fiato.

O luna bella mia diglielo tu
diglielo luna mia,
quanto soffre il mio cuore,
di loro che forse qua non torno più.

E quà lascio la mia gioventù
lontano da loro morire mi sento così


Guarda il filmato