Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi


  A cifalota
(La cifalota)


Testo Originale
Traduzione Letterale

'sta bedda pigghia l'acqua a matinata,
e quannu passa la testa mi vota,
si non la guardu si nni va 'ncagnata,
chi geniu ca mi fa ' sta cifalota.

Di quantu beddi passanu
ca vannu a la funtana
cu vidi ' sta suprana
non si la scorda cchiù

Ccu dd'occhi latri fa la batiota,
ma cchiù ni sapi di na maritata,
si voli mi la pigghiu senza dota,
ca la ricchizza sò l'avi ammucciata.

Di quantu beddi passanu
ca vannu a la funtana
cu vidi ' sta suprana
non si la scorda cchiù

'Na vesti cci aju a fari arraccamata,
di sita li quasetti e la scarpina,
cci à ' fari diri a tutta la burgata,
'sta cifalota addivintau regina.

Di quantu beddi passanu
ca vannu a la funtana
cu vidi ' sta suprana
non si la scorda cchiù

Questa bella prende l'acqua di mattina,
e quando passa la testa mi gira,
se non la guardo se ne va seccata,
che genio che mi fa questa cifalota.

Di quante belle passano
che vanno alla fontana
chi vede questa bellezza
non se la scorda più

Con quegli occhi ladri fa la educanda
ma ne sà più di una donna maritata
se mi vuole la prendo senza dote
che la ricchezza lei l'ha nascosta.

Di quante belle passano
che vanno alla fontana
chi vede questa bellezza
non se la scorda più

Un vestito le devo fare ricamato,
di seta le calzette e la scarpina,
lo devo dire a tutta la borgata,
questa cifalota è diventata regina.

Di quante belle passano
che vanno alla fontana
chi vede questa bellezza
non se la scorda più


Leggi lo spartito musicale


Highslide JS
La cifalota.
Highslide JS
La cifalota.