Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi


Catania mia


Testo Originale
Traduzione letterale


Catania tu si naca di biddizzi
ca teni Mungibreddu 'ntra li vrazza
l'alba si tingi di la tò purizza
e li marusi ci fanu la vò.
Catania mia

Tu si la me città ca lu focu
calannu setti voti vurrivò
e l'omu cchiù tinaci dopu 'npocu
cu li suduri soi, ti fabbricò.

Lu suli ca si susi a matinata,
lu ventu ca ci canta la vovò
la spiga china china, ca s'annaca
Catania mia, Catania mia.

Stesicuru ti desi la sò cruna,
Bellini noti d'oru, ti lassò
ppi cchissu tu si tutta 'na canzuna
Catania mia, Catania mia.
Catania mia...
Catania tu sei culla di bellezze
che tiene Mongibello fra le braccia
l'alba si tinge della tua bellezza
e i marosi ci fanno la vò.
Catania mia

Tu sei la mia città che il fuoco
scendendo sette volte ricopri
e l'uomo più tenace dopo un poco
son il sudore suo, ti fabbricò.

Il sole che sorge la mattina,
il vento che ti canta la vovò
la spiga piena piena, che ondeggia
Catania mia, Catania mia.

Stesicoro ti ha dato la sua corona,
Bellini note d'oro ti lasciò
per questo tu sei tutta una canzone
Catania mia, Catania mia.
Catania mia...



Leggi lo spartito musicale


Highslide JS
Catania mia.