Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani: Testi


La barunissa di Carini
(La baronessa di Carini)


Testo Originale
Traduzione letterale

Chianci Palermu, chianci Siracusa,
a Carini c’è lu luttu ‘n ogni casa.

Attornu a lu casteddu di Carini,
ci passa e spassa un beddu cavaleri,
lu Vernagallu di sangu gintili
ca di la gioventù l'unuri teni.

Viru viniri na cavalleria,
chistu è me patri ca veni ppi mia,
tuttu vistutu alla cavallerizza
chistu è me patri ca mi veni ammazza.

Signuri patri... chi vinisti a fari...?
Signura figghia... vi vegnu ammazzari

Lu primu colpu la donna cariu,
l'appressu colpu la donna muriu.
Un colpu a lu cori, un colpo tra li rini
povira barunissa di Carini.
Piange Palermo, piange Siracusa,
a Carini c'è il lutto in ogni casa.

Attorno al castello di Carini,
ci passa e ripassa un bel cavaliere,
il Vernagallo di sangue nobile
che della gioventù l'onore tiene.

Vedo venire un cavaliere,
questo è mio padre che viene per me,
tutto vestito da cavaliere
questo è mio padre che viene ad ammazzarmi.

Signore padre... che siete venuto a fare...?
Signora figlia... sono venuto ad ammazzarvi.

Il primo colpo la donna cadde,
il colpo appresso la donna morì.
Un colpo al cuore, un colpo tra i reni
povera baronessa di Carini.