Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Francesco Paolo Frontini



Frontini Francesco Paolo - Musicista (Catania 1860-1939). Fu di vasta e profonda cultura, di vena ricca e varia. Da suo padre, Martino, anche lui compositore che ebbe in Sicilia una certa rinomanza, apprese le prime nozioni Francesco Paolo, precocissimo: a tredici anni esordì in un pubblico concerto di violino.

Poi imparò il pianoforte, l'armonia, il contrappunto; la sua prima composizione fu eseguita nella cattedrale di Catania, quando egli aveva quindici anni. Fra le sue opere vengono ricordate: Nella, Sansone, Aleramo, Malìa, Il falconiere, Fatalità.

E inoltre: Eco della Sicilia (50 canti siciliani), Medio Evo, Natale siciliano (schizzi dal vero), due quartetti, una Messa di requiem, i Canti religiosi del popolo siciliano e vari altri lavori sinfonici, nonchè Piccolo montanaro e la famosa Serenata araba.

La critica gli fù larga di plauso, i sovrani di onorificenze. Ecco, per esempio, il giudizio di un critico anonimo ma attento: « Io non vi so dire se F. P. Frontini sia un genio o un superuomo; ma quando un cervello è così produttivo e fecondo, ha diritto all'ammirazione del pubblico intellettuale ».

Nel 1879 cavaliere della Corona d'Italia, nel 1904 cavaliere ufficiale; al proprio nome non anteponeva il titolo di maestro ma quello di cav. uff., secondo la voga del primo Novecento. Dedicò una melodia alla regina madre, che gli donò un gioiello con iniziali: egli ne andava fiero.

Nei primi del secolo la sua figura longilinea e ispirata, i suoi baffi e la sua barba, la sua « inglesina » a pallini sul colletto inamidato e il suo cappello nero, alto a larghe tese, furono famosi, crearono una moda, la moda dell'artista di classe.
Enc. di Ct Tringale Editore 1987.