Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Anastasi Pietro



Calciatore ( Catania 1948 ). Di estrazione sociale modesta, cominciò a giocare al calcio, da centravanti, nell'oratorio dei salesiani.
A 14 anni fu notato e tesserato dai dirigenti della Trinacria, una piccola società che disputava i tornei juniores.

A 15 anni, nel 1963, fu ingaggiato dalla Massiminiana ( dei fratelli Massimino ), che partecipava al campionato di serie D. Con la stessa società nel 1963-64 vinse il campionato ma non giocò in serie C perchè in estate fu ingaggiato dal Varese per 45 milioni, una cifra che, allora, fu considerata enorme.

Col Varese giocò un anno in B e uno in A; nel campionato maggiore segnò 11 gol in 29 partite. Nel 1968-69 passò alla juventus per 660 milioni dopo aver esordito in nazionale a Roma nella finale del campionato d' Europa contro la Jugoslavia, segnandoun gol.

Alla Juventus
( dove il presidente Catella lo rimbrottò per essersi presentato in sede in maniche di camicia anzichè in giacca e cravatta ) rimase otto anni, giocandovi 205 partite e segnando 88 gol. Lo chiamarono protettivamente e affettuosamente, Pietruzzu.

Al termine della stagione 1976-77 avvenne il divorzio, clamoroso, dalla società bianconera, dopo una serie di screzi con l'allenatore, il famoso Parola, e il passaggio all'Inter, con grande soddisfazione di Sandro Mazzola, suo grande estimatore.

All'Inter rimase due anni
, e nell'estate del 1978 fu ceduto all' Ascoli.
Proprio contro la Juventus si prese la soddisfazione di segnare il centesimo gol in serie A. Dopo due stagioni all' Ascoli, andò a giocare per un anno a Lugano, serie B svizzera. Dopodichè appese le scarpe al chiodo.

Adesso vive a Varese e fa l'istruttore dei giovani della società varesina. Ha conseguito il patentino di allenatore di seconda categoria. Notevole ma non molto fortunata è stata la sua carriera con la maglia della nazionale italiana
( specialmente dopo l'ernia inguinale che nel 1970 gli impedì di partecipare ai << mondiali >> del Messico ).

In azzurro, comunque, ha disputato 25 partite mettendo a segno otto reti, a parte altre presenze nella << Under 23 >> e nella nazionale giovanile.
Enc. Ct Tringale Editore 1987