Logo




PROSSIMAMENTE
FEBBRAIO 2017




























































































































Canti Siciliani: Testi


Quant' è laria la me zita
(Com' è brutta la mia fidanzata)


Testo Originale
Traduzione letterale

Quant’è laria la me zita,
malanova di la so vita,
ah laria è, cchiù laria d’idda nun ci nn’è

Havi li capiddi tisi tisi,
ppi spurigghialli ci voli ‘n misi,
ah! laria è, cchiù laria d’idda nun ci ‘nn’è

Havi l’occhi a doppiu usu,
unu apertu e l’atru chiusu,
ah! laria è, cchiù laria d’idda nun ci ‘nn’è

Havi lu nasu ca pari un cannolu,
quannu stranuta ci voli un linzolu,
ah! laria è, cchiù laria d’idda nun ci ‘nn’è

Havi la panza ca pari ‘na vutti,
quannu camina fa ridiri a tutti,
ah! laria è, cchiù laria d’idda nun ci ‘nn’è

Havi li jammi a cucciddatu,
quannu camina s’abbia di latu,
ah! laria è, cchiù laria d’idda nun ci ‘nn’è

Havi li pedi a chicchiricò,
quannu camina fa sì e nò,
ah! laria è, cchiù laria d’idda nun ci ‘nn’è

Ma di picciuli n’havi assai,
ca cummogghiunu tutti li giuai,
ah! bedda è,cchiù bedda’idda nun ci ‘nn’è

Ma ju preiu la maronna,
d’accuzarici li jorna,
ah laria è, cchiu laria d’idda nun ci ‘nnè.
Quanto è brutta la mia fidanzata,
cattiva nuova della sua vita,
ah! brutta è, più brutta di lei non ce nè!

Ha i capelli tesi,tesi,
per sbrogliarli ci vuole un mese,
ah! brutta è, più brutta di lei non ce nè!

Ha gli occhi a doppio uso,
uno aperto e l'altro chiuso,
ah! brutta è più brutta di lei non ce nè!

Ha il naso che sembra un cannolo,
quando starnuta ci vuole un lenzuolo,
ah! brutta è, più brutta di lei non ce nè!

Ha la pancia che sembra una botte,
quando cammina fa ridere a tutti,
ah! brutta è più brutta di lei non ce nè!

Ha le gambe a ciambella,
quando cammina si muove di lato,
ah! brutta è, più brutta di lei non ce nè!

Ha i piedi a " chicchiricò ",
quando cammina fa si e no,
ah! brutta è più brutta di lei non ce nè!

Ma di soldi ne ha assai,
che coprono tutti i guai,
ah! bella è, più bella di lei non ce nè!

Ma io prego la Madonna,
di accorciare i suoi giorni,
ah! brutta è più brutta di lei non ce nè!