Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Canti Siciliani : Testi


Alivara
(Raccoglitrice di olive)


Testo Originale
Traduzione Letterale

Cugghiennu st'alivuzzi st'alivara,
'nta l'arvuliddi sta sinu alla sira,
cantannu na canzuna tantu cara,
ca iu ccu l'occhi ci tegnu la mira.

Li so biddizzi rari,
la so facciuzza fina,
cu li so beddi fari,
lu cori m'inatina.

mi pari la sirena di lu mari

'ntra li campagni 'nciuri,
la vicinedda fa
cantanu tutti dui
oilì oilì oilà.

Difatti na matina ci parrai,
lu cori non mi potti cchiu frinari,
cu ddu parrari so di signurina,
mi dissi non mi vogghiu maritari.

Ma iu ci vogghiu beni,
cchi'assai di la me vita,
livatimi sti peni,
sanati sta ferita.

Di dda matina 'poi, fu la me zita,

'ntra li campagni 'nciuri,
la vicinedda fa
cantanu tutti dui
oilì oilì oilà.

Ammenzu ddi campagni e ddi vinturi,
filici tanti jorna ni passanu,
di sutta dd'arbuliddi e ddi friscuri,
di vasuneddi a centu ni cascaru.

Vicinu a sta rigina,
mi sentu 'n cavaleri,
tant'è ca na matina,
la fici me muggheri.

La me felicità fu dda catina

'ntra li campagni 'nciuri,
la vicinedda fa
cantanu tutti dui
oilì oilì oilà.
Raccogliendo queste olive "l'alivara",
in questi alberelli sta fino alla sera,
cantanto una canzone tanto cara,
che io con gli occhi non smetto di guardarla.

Le sue bellezze rare,
la sua faccia raffinata,
con i suoi bellissimi occhi,
il cuore mi incatena.

Mi sembra la regina del mare.

Tra le campagne in fiore,
la sua vicina fà,
cantano tutte e due
oilì oilì oilà

Difatti una mattina ci parlai,
il cuore non mi potè più frenare,
con quel suo parlare da signorina,
mi disse non mi voglio maritare.

Ma io la voglio bene,
più della mia vita,
levatemi queste pene,
sanate questa ferita.

Da quella mattina in poi fu la mia fidanzata.

Tra le campagne in fiore,
la sua vicina fà,
cantano tutte e due
oilì oilì oilà.

In mezzo a quelle campagne e a quella sorte,
felici tanti giorni trascorsero
sotto quegl'alberelli e quelle frescure,
di baci a cento ne caddero.

Vicino a questa regina,
mi sento un cavaliere,
tanto che una mattina,
l'ho fatta mia moglie.

La mia felicità fu quella catena.

Tra le campagne in fiore,
la sua vicina fà,
cantano tutte e due
oilì oilì oilà.


Ascolta MP3