Logo

Tamburelli del Gruppo Folk Aulos


SHIBBOLETH
Canti & cunti


Gruppo Teatro Tempo





































































































































Carte da gioco siciliane

Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Alcune carte, o forse tutte,avevano dei sopranomi che venivano
utilizzati soprattutto nel gioco della Tombola o della Zecchinetta.
Ecco quelli che ricordo:
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
Highslide JS
I 10 giochi più conosciuti delle carte siciliane

Lingua originale
1)Briscula
2)Briscula pazza
3)Scupa
4)Scupuni scientificu
5)Trissette
6)Zicchinetta
7)Setti e menzu
8)Tummula
9)Stop
10)Ti vitti
Traduzione letterale
Briscola
Briscola pazza
Scopa
Scopone scientifico
Tressette
Zecchinetta
Sette e mezzo
Tombola
Stop
Ti ho visto

Poesie dedicate ai giochi

U jucaturi di trissetti

'n veru jucaturi di trissetti
stava murennu cu 'na primunia.
Lu medicu tra pinnuli e sagnetti
crideva di sarvarlu di la malatia.
Ma era mortu non c'era chi fari
tantu ca accumincia a sdilliriari.

Lu medicu ci dissi a li parenti
jtavinni dda banna ppi favuri
lassatimi osservari lu malatu
e si ci misi d'attagghiu assittatu.

Lu malatu sparrava misu 'ncannu
dicennu:sugnu di manu e staiu fannu
tri tri, tri dui e 'na napulitana
tegnu tri asi accumpagnati
allongu a coppi e 25 a spati
a megghiu a replicu e allisciu pi vui.

Tuttu 'ntrattu s'avvicinò la morti
e lu medicu virennu d'accussì
passa dda banna e chiama li parenti,
dicennu: lu malatu fu tuttu tri,
fici unnici punti finalmenti
accusò,arrivilò chi sacciu ddocu
basta si la finiu cu lu buon giocu
Il giocatore di tressette

Un vero giocatore di tressette
stava morendo con una polmonite.
Il medico tra pillole e sanguisughe
credeva di salvarlo dalla malattia.
Ma era morto non c'era nulla da fare
tanto che comincia a dar di testa.

Il medico disse ai parenti
andate di là per favore
lasciatemi osservare il malato
e si ci mise vicino seduto.

Il malato sparlava messo da parte
dicendo:sono di mano e stò facendo
tre tre,tre due e una napolitana
tengo tre assi accompagnati
allungo a coppe e 25 a spade
la migliore la replico e gioco liscio per voi.

All'improvviso si avvicinò la morte
e il medico vedendo così
passa di là e chiama i parenti
dicendo: il malato fu tutto un tre,
ha fatto 11 punti finalmente
dichiarò, rivelò non sò cosa di sicuro
comunque è morto con il buon gioco.
      Briscula 'n cumpagni
               Nino Martoglio
-
Parrati, don Caloriu, comu siti ?
- Bonu, vui siti bonu ? - Sentu diri :
carrichi, o 'nnunca brisculi, 'nn' aviti ?
- Zoccu vuliti, a vostru piaciri.

- 'Na briscula vistuta, - Chi diciti ?
- Briscula ! Quanti voti l' haju a diri ?
- E' grossa... - Non fa nenti, favuriti...
- E si non vi vulissi favuriri ?...

- Carricu, mancu ? Cca c'è 'n sei di spati !
- E chi schifiu è, di 'sta manera ?
Don Peppi Nnappa, d'accussi jucati ?

- Misseri e sceccu ccu tutta 'a tistera,
comu vi l'haju a diri, a vastunati,
ca mancu haju sali di salera ?
      Briscola in compagni
              Nino Martoglio
-
Parlate, don Calorio, come state ?
- Bene, voi come state?- Intendo dire:
carichi, oppure briscole, ne avete?
-Quello che volete, a vostro piacere.

- Una briscola vestita. - Cosa dite ?
- Briscola ! Quante volte lo devo dire ?
- E' grossa... - Non fa niente, favorite...
- E se non volessi favorirvi ?...

- Carico neanche ? Quà c'è un sei di spade
- E che schifo è, questa maniera ?
Don Peppi Nnappa, così giocate ?

Messere e asino con tutta la testiera,
come ve lo devo dire, a bastonate
che non ho neanche sale di saliera ?
                   'U trissetti
                       Nino Martoglio
-Ma siti sceccu 'ranni e vi l'ha' a diri !...
Avi tri uri ca mi fagghiu spati,
aviti 'na scartina, pri veniri
a mia, e jicati spati ?... Chi purtati ?

-Oru e bastuni,-Mi nni vogghiu jiri,
va,'nnunca scattu!... megghiu vi 'nfurcati !...
Oh, non faciti vuci, pri piaciri,
ca 'i cirivedda m''i sentu stunati !

-Ma comu ?...-Senza comu, vah, cch'aviti ?
-'N vintanovi a bastuni, accumpagnatu,
'na scartina di spati e 'stu quattr'oru.

-E allura, vui, pirchì non vi battiti ?
-Ma si non trasu a jocu, svinturatu,
ccu cù mi battu, vah, ccu vostra soru ?

-Sangu di !...-Vaja,senza santiuni,
Isamu,tostu e doppu arraciunati...
-'A manu è di donn'Arfiu Pizzuni...
-Mannaja!... Chi non foru arriminati ?

Auh, e chi facistivu, 'u mazzuni ?
-Ju ? Se' scartini haiu,taliati...
-Cu' è ca l'avi, ternu diavuluni ?
Don Silvestru, vui chi non parrati ?

-Sulu ci vaju !...-Mi nni meravigghiu !
-Megghiu suli ca mali accumpagnati !...
-Quannu pirditi, poi, faciti 'u nigghiu !

-Chi truvasturu, o' munti ?-Quattru carti...
-Strurusu siti ! Vah, chi vi calati ?
-Comu si cala ? Ju 'u tegnu a du' parti !

-Veru è ? Unni ? -Vah, siddu parrati,
Ju 'mmiscu 'i carti, siti privinuti...
e...pi sapillu, sparti mi pagati,
pirchì 'u trissetti fu fattu d''i muti.

-A vu' 'n'autru !...Si scherza !... Va, jucati.
-Tirati 'o puntu, ca siti pirduti...
-Don Silvestru, dici : 'o ministrati,
vostra mogghi, ca 'i favi su' scinnuti.

-Dicitici c'aspetta, donna Narda...
-Vo' jtavinni, a po' jucamu...-Cui ?
-Non pò aspittari, dici, c'arrifridda !

-N''a dispiaciti !...-A vui chi vi riguarda ?
Ju p'accomora, mi stricu 'stu dui;
dintra, si parra, poi, mi stricu a idda !
                  'U trissetti
                      Nino Martoglio
-Ma siete asino grande e ve lo devo dire !
E' tre ore che mi faglio a spade,
avete una scartina, per venire
a me, e giocate spade ?...Che portate ?

-Oro e bastone. -Me ne voglio andare,
va, altrimenti scoppio !...Meglio vi inforcate !
Oh, non alzate la voce, per piacere,
che il cervello mi sento stonato !

-Ma come ?...-Senza come, vah, cos'avete ?
-Un ventinove a bstone, accompagnato,
una scartina di spade e questo quattro d'oro.

-E allora, voi, perchè non vi battete ?
-Ma se non entro nel gioco, sventurato,
con chi mi batto vah, con vostra sorella ?

-Sangue di !...- Finitela, senza bestemmie,
alzateci, piuttosto e dopo ragionate...
-La mano è di don Alfio Pizzone...
-Mammaggia !.. non sono state mischiate?

Auh, e che avete fatto, il mazzone ?
-Io ? sei scartine ho, guardate...
-Con chi ce l'ha ?, eterno diavolone?
Don Silvestro, voi non parlate ?

-Solo ci vado !...- Me ne meraviglio !
-Maglio soli che male accompagnati!..
-Quando perdete, poi, vi lamentate !

-Cosa avete trovato nel mazzo?-quattro carte...
-Dispettoso siete ! Vah, cosa scendete ?
-Come scende ? io lo tengo in due parti!

Vero è ? Dove ? - Vah, se parlate,
io mischio le carte, siete prevenuti...
e..per saperlo, per giunta mi pagate,
perchè il tresette fu fatto per i muti.

-Non ci fate caso! si scherza! giocate.
-Tirate al punto, che siete perduti...
-Don Silvestro, dice:dividete la minestra,
vostra moglie,che le fave sono cotte.

-Ditele che aspetti, donna Narda...
-Andatevene...poi giochiamo..-Chi?
-Non può aspettare, dice che si raffredda!

-Non le date dispiaceri!-A voi cosa importa?
Io per ora, striscio questo due;
dentro si parla, poi mi striscio a ella!